L’esordio in Campionato di ieri ha evidenziato i limiti dei Nerazzurri nella costruzione del gioco quando si trova ad affrontare squadre chiuse e tatticamente preparate.
L’Inter in questo momento non ha in rosa una seconda punta in grado di creare superiorità numerica, di saltare l’uomo, di sfornare assist: Icardi in solitaria là davanti non può garantire l’incisività necessaria, ha bisogno di una spalla che lo appoggi, ed i tanti impegni stagionali che i Nerazzurri dovranno affrontare impongono l’acquisto di un altro attaccante. Le alternative presenti in rosa sono poche, Osvaldo e Palacio (entrambi attualmente acciaccati) non possono bastare. Le cessioni di Alvarez e Guarin (imminente il suo passaggio al Valencia) diminuscono peraltro il potenziale offensivo a disposizione ed il tasso tecnico della squadra. Il doppio trequartista non sarà esperimento da riproporre (Kovacic ed Hernanes finiranno per pestarsi i piedi, in particolare il brasiliano non sembra avere il passo necessario per giocare a ridosso della prima punta, meglio da mezzala): le ultime voci che darebbero Giacomo Bonaventura dell’atalanta vicino ai Nerazzurri non convincono proprio dal punto di vista squisitamente tattico (oltre che tecnico). Il centrocampista bergamasco manca della rapidità necessaria e avrebbe bisogno di essere testato in una grande squadra (i palcoscenici importanti finiscono spesso per infondere troppa pressione su chi non è abituato a dover vincere ad ogni costo).
Non servono mezze cartucce, occorrono campioni in grado di garantire il salto di qualità! E allora Presidente, bando alle ciance: VOGLIAMO LAVEZZI! Ci faccia questo regalo e torneremo a volare!
#WEWANTLAVEZZI

FORZA RAGAZZI!

162649471-445082

Annunci