#SALVATI MATEO, da questa piccola Inter!

Trattativa lampo, fulmine a ciel sereno, offerta irrinunciabile. Chiamatela come volete, ma non ci convince per niente.

La cessione di Mateo Kovacic al Real ha scatenato (e sta scatenando) innumerevoli discussioni: da una parte chi si trova concorde con la società, dall’altra gli oppositori e fautori dell’ormai inflazionato #savekovacic.

L’hashtag (non più) di tendenza può tranquillamente prestarsi anch’esso ad una duplice interpretazione: il giovane croato in poco più di due anni di Inter ha rapito il cuore dei tantissimi tifosi che in lui vedevano il faro da cui ripartire, su cui rifondare la rinascita di una squadra uscita con le ossa rotte dalle ultime scellerate scelte societarie (e tecniche).

Per tutto il precampionato, dopo averne dichiarato pubblicamente l’incedibilità, l’allenatore Nerazzurro ha sperimentato moduli e tatticismi, tutti con un unico comun denominatore: Kovacic al centro del gioco, e dell’intero progetto. Il problema è che le “indubbie” qualità del tecnico non hanno aiutato lo stesso a trovare la giusta collocazione al talentuoso classe ’94, tanto da spingere Mancini ad appoggiarne la cessione arrivata così…in una notte di mezza estate, senza la minima opposizione di fronte ad un’offerta ritenuta troppo golosa (…mah!).

A meno di una settimana dall’inizio del Campionato l’Inter si trova quindi senza l’uomo più importante e costretta ad inseguire prospetti che, con ogni probabilità, non sarà così semplice raggiungere visto lo scarso appeal che i colori Nerazzurri stanno suscitando in Europa e nel Mondo.

La cessione del 20enne più promettente del calcio europeo (e anche qui aprire una parentesi è d’obbligo: Pogba vale 100 e Kovacic 40…probabilmente in società non hanno ancora compreso appieno le dinamiche del mercato) scatenerà un effetto domino incontrollabile: la stragrande maggioranza dei Tifosi (e di quei pochi addetti ai lavori che capiscono qualcosa di calcio) sta già manifestando il proprio dissenso, dall’esterno (ma anche dall’interno) si percepisce con una certa disillusione la volontà da parte della società di non progredire, bensì di ridimensionarsi (perchè i calciatori buoni si tengono, non si vendono) in ossequio alle regole (sinora disattese?) imposte dal FFP, sul mercato adesso saremo spremuti sino all’osso poichè la necessità di rinforzare l’organico (per mascherare almeno in parte le scarse velleità d’alta classifica) è adesso sin troppo evidente.

Probabilmente gli errori del passato non sono serviti a niente (oppure a qualcuno non interessa più di tanto).

E allora, tornando al ragionamento in apertura, #salvatikovacic dall’ennesima mediocre stagione e da un fallimento che appare già annunciarsi prima della partenza.

Buona fortuna Mateo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...