E sono cinque! L’Inter non si ferma più e conquista altri 3 punti contro il Verona dell’ex Mandorlini al termine di una gara non straordinaria sotto l’aspetto del gioco ma giocata comunque a buoni ritmi da entrambe le compagini.

12038741_1020666261316846_4001070440146219925_o

Gli avversari, già privi di Luca Toni (infortunato), sono arrivati a S.Siro con tanta voglia di ben figurare, ma hanno dovuto fare i conti con la tegola Pazzini, costretto ad abbandonare il campo dopo pochi minuti per una forte contrattura a seguito di uno scontro fortuito con Felipe Melo.

12052663_1020666241316848_7017173405182274414_o

12022582_1020666184650187_8915304297482960693_o

Dopo un primo tempo nel quale entrambe le squadre hanno cercato di mantenere reparti corti senza scoprirsi, nella seconda frazione l’Inter parte forte, e dopo lo spavento per la clamorosa traversa colpita da Sala (il migliore dei suoi), riesce a trovare il gol con un grandissimo colpo di testa di Felipe Melo ottimamente imbeccato dal calibratissimo corner calciato dal brasiliano Telles. Siamo al minuto cinquantasei, e la rete del mediano Nerazzurro è quella decisiva, che chiude il match e consolida il primato in classifica della banda Mancini.

12031539_1020666244650181_1651124778182138957_o

Il tecnico Interista si affida anche stavolta all’ormai collaudato 4-3-1-2, confermando Telles e Santon sugli esterni, con Miranda schierato al posto dell’infortunato Murillo accanto al cileno Medel (ancora grandissima prova la sua). A centrocampo nessun cambio: il terzetto Guarin-Melo-Kondogbia per adesso è quello che garantisce la migliore copertura e riesce ad accompagnare con buona continuità la manovra offensiva, dove Perisic sembra iniziare a voler scaldare i motori in attesa della miglior forma. A riposo Jovetic, sostituito da uno spaesato Ljajic (ancora non integrato negli schemi offensivi Nerazzurri) accanto a Capitan Icardi.
Al netto della prova non esaltante sotto il profilo del gioco dobbiamo comunque sottolineare la ritrovata solidità difensiva: l’Inter non da mai l’impressione di poter andare in sofferenza, e questo è un aspetto da non sottovalutare.

12032710_1020666181316854_3076090977382036535_o

I risultati negativi delle altre grandi (roma, napoli e juventus) hanno destato stupore, concorrendo ad incrementare il vantaggio dei Nerazzurri sulle dirette concorrenti. Ma siamo soltanto a Settembre, e Domenica a Milano arriva la fiorentina per il primo scontro al vertice. Dovessero arrivare altri tre punti…

FORZA RAGAZZI!

.:: I Voti ::.  

Handanovic 6,5
Santon 6,5
Miranda 6
Medel 6,5
Telles 7
Guarin 6
Felipe Melo 8
Kondogbia 6,5
Perisic 6,5
Ljajic 5,5
Icardi 6

Jovetic 5,5
Biabiany 6
Ranocchia s.v.

All. Mancini 7

Annunci