Torino vs INTER 0-1

Altri tre punti. Importantissimi. Probabilmente fondamentali per proseguire in un sogno che sta pian piano iniziando a materializzarsi sulla scia di un cammino non semplice ma dalle benauguranti premesse.
L’Inter cinica e spietata è tornata a far parlare di se, è tornata ad essere quella mina vagante e fastidiosa che tutti Noi, in trepidante attesa, aspettavamo.

12227828_1040379109345561_7235548987246966144_n

La vittoria di Torino, oltre a consolidare il primato in classifica dei Nerazzurri (ancora in coabitazione con la fiorentina), è stata indubbiamente importante anche per il morale (prima della sosta per le nazionali) e ha contribuito a dare un altro forte segnale alle inseguitrici, che dopo l’affermazione sulla roma di una settimana fa erano pronte a festeggiare in caso di débâcle.

12196030_1040379032678902_3688408676066393449_n

Anche stavolta invece le scelte di Mr. Mancini, come al solito “originali”, hanno fatto la differenza: l’Inter è scesa in campo con un inedito (sotto la gestione Mancini) 3-5-2 di mazzarriana memoria, un modulo speculare a quello dell’avversario, in questo modo limitato delle sue migliori frecce. Gli esterni granata, marchio di fabbrica del gioco di Ventura, sono stati tenuti a bada dai confermati D’Ambrosio e Nagatomo, ancora una volta pronti nel doppio ruolo di contenimento e spinta. La fisicità di un centrocampo composto da Melo (comunque non al meglio), Medel e Kondogbia ha protetto a dovere il pacchetto difensivo, dove ancora una volta hanno brillato Miranda e Murillo, che insieme a Juan Jesus hanno limitato le folate offensive avversarie concedendo pochissime chances a Quagliarella & C., capaci comunque di impensierire Handanovic in un paio di occasioni che il numero uno Nerazzurro ha saputo sapientemente sventare. In avanti, accanto al volenteroso e decisivo Palacio (suo l’assist per il bellissimo gol vittoria di Kondobgbia), ha nuovamente faticato Capitan Icardi, apparso spesso avulso dalla manovra ed incapace di essere incisivo e puntuale nelle sortite offensive dei Nerazzurri.

12219352_1040379039345568_8101201823749333296_n

A dire il vero, ma non ne avremo mai la riprova, sarebbe probabilmente servito in mezzo al campo un calciatore in grado di verticalizzare (Brozovic) per trame di gioco più fluide. Chi vince però ha sempre ragione, e ci teniamo stretto l’ennesimo 1-0 stagionale.

12193884_1040379036012235_8886343345697417457_n

Ventisette punti dopo 12 giornate non sono certo pochi, la media è senza dubbio importante. Adesso abbiamo quindici giorni per preparare la sfida interna col Frosinone, assolutamente da vincere in vista del successivo (complicatissimo) impegno che vedrà l’Inter in trasferta a napoli. Gara dopo gara, tassello dopo tassello, per continuare a sognare.

FORZA RAGAZZI!

.:: I Voti ::.

Handanovic 7,5
Murillo 7
Miranda 6,5
Juan Jesus 6
D’Ambrosio 6
Medel 7
Felipe Melo 6
Kondogbia 7,5
Nagatomo 6,5
Palacio 6,5
Icardi (C) 5,5

Perisic 6
Ljajic 6
Ranocchia s.v.

All. Mancini 8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...