INTER vs Sampdoria 3-1

Probabilmente consci di essere arrivati al punto di non ritorno, alla gara d’appello della stagione e dell’intero progetto, i Nerazzurri ieri hanno saputo onorare al meglio il ritorno di Mr. Mou a S. Siro, imponendosi con un netto 3-1 nel match contro una Sampdoria arrivata a Milano anch’essa in cerca di riscatto ma travolta dalla ritrovata determinazione degli uomini di Mancini.

12711235_1096885147028290_4811973681703574023_o

Quella dei Nerazzurri è stata una prova di forza, che finalmente hanno riproposto la compattezza e la personalità di inizio campionato: senza fare cose trascendentali l’Inter ha infatti saputo condurre la gara sin dai primi minuti, dando l’impressione di poter colpire da un momento all’altro.

12716155_1096885083694963_383941893736134862_o

12764780_1096885160361622_432092702019843263_o

Il gol di D’Ambrosio alla metà della prima frazione ha indubbiamente facilitato il prosieguo del match, consentendo ai Nerazzurri di gestire il risultato senza troppa sofferenza. Il raddoppio di Miranda ed il tris di Capitan Icardi, nella ripresa, hanno poi reso del tutto ininfluente la rete di Quagliarella arrivata ancora una volta nel recupero. Incoraggianti le prove individuali: la palma di migliore in campo, soprattutto per quanto mostrato nel primo tempo, è da assegnare senza dubbio a Jonathan Biabiany, che con i suoi classici strappi palla al piede ha tenuto in apprensione da solo tutta la retroguardia avversaria (il francese è finalmente riuscito a mettere in campo quel furore agonistico che lo aveva portato alla ribalta ai tempi di Parma).

12771999_1096885017028303_4369182556121147205_o

Molto bene anche Mauro Icardi, che nonostante i pochissimi palloni giocabili ha saputo trasformare in oro quelli ricevuti, segnando anche la rete che ha chiuso definitivamente la gara. Tra i migliori anche Felipe Melo, finalmente tornato a livelli accettabili, Joao Miranda, autore del secondo gol e apparso sicuro come non accadeva da tempo, e Danilo D’Ambrosio, un calciatore che quando viene chiamato in causa difficilmente sbaglia. Per il resto è stata la solita Inter, una squadra che probabilmente è stata frenata più dalla scarsa convinzione in se stessa che dagli avversari.

12748092_1096885060361632_4765655342924315447_o

12742380_1096885053694966_568348594691477006_n

Ad onore del vero però, e dispiace sottolinearlo, non hanno pienamente convinto alcune prove individuali: ci riferiamo a quelle di Perisic ed Eder, il primo ininfluente come spesso accadutogli in questa stagione, il secondo apparso ancora visibilmente non integrato negli schemi offensivi della nuova squadra (qualche chance in più, che non si esaurisca ai 10-15 minuti delle ultime apparizioni, Ljajic e Jovetic probabilmente la meriterebbero).

12418937_1096884997028305_4391227852578969930_o

Che sia stata la vittoria della definitiva svolta o meno, potremo capirlo soltanto la prossima Domenica, quando i Nerazzurri andranno a Torino ad affrontare gli eterni rivali juventini: servirà una prestazione da vera Inter, una gara di cuore e sostanza.
Noi ci crediamo, sempre.

FORZA RAGAZZI!

.:: I Voti ::.

Handanovic 6
Nagatomo 6
Miranda 6,5
Murillo 6
D’Ambrosio 6,5
Felipe Melo 7
Brozovic 6
Biabiany 7,5
Perisic 5
Eder 5
Icardi (C) 7

Ljajic 5,5
Gnoukouri 6
Jovetic s.v.

All. Mancini 7

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...