INTER vs Juventus 2-1

Ci sono momenti e MOMENTI, ci sono partite e PARTITE, squadre e SQUADRE: ieri abbiamo rivisto una GRANDE INTER, dopo aver (giustamente) criticato quella apatica, svogliata e “piccola” del giovedì di coppa.

Ieri i Nerazzurri sono finalmente riusciti a tirar fuori orgoglio, motivazione e cuore, tre caratteristiche imprescindibili per una squadra che vuol tornare a primeggiare.

Con una gara praticamente perfetta l’Inter è stata in grado di domare e dominare un avversario ritenuto dagli addetti ai lavori praticamente imbattibile, mostrando a tutti che nel calcio, spesso e volentieri, volontà e determinazione riescono a fare la differenza.

Ieri però c’è stato molto di più. Si è rivista l’Inter affamata, una squadra tosta e pronta a seguire i dettami del proprio allenatore, quel Frank De  Boer che stavolta non ha sbagliato un colpo, riuscendo a stoppare le trame di gioco avversarie con pressing alto ed intensità sin dai primi minuti.

Fondamentale il lavoro del reparto avanzato, con Capitan Icardi ed Eder primi difensori sempre pronti ad aggredire la retroguardia bianconera, apparsa sorpresa ed impreparata ad affrontare la costante azione pressante dei Nerazzurri. Anche Candreva sulla destra si è calato benissimo nel ruolo, mettendo spesso in difficoltà il diretto avversario con il solito perpetuo movimento sulla fascia.

Benissimo anche la mediana, con Joao Mario sugli scudi, autore di una prestazione eccellente sia sotto l’aspetto della quantità che, soprattutto, della qualità: il portoghese, che ha certificato un’intelligenza tattica superiore alla media, è riuscito a dare ritmo alla mediana con praticità e semplicità, è stato bravissimo nel dialogo con Banega, quest’ultimo ancora una volta tra i migliori in campo, e sempre pronto al raddoppio con l’onnipresente Medel.

Un terzetto che è apparso molto ben assortito, impreziosito come dicevamo dalla classe cristallina dell’argentino Ever Banega, calciatore di grande tecnica ma soprattutto di acuto pensiero, spesso in grado di creare superiorità numerica ed impeccabile anche in fase di assistenza (anche da calcio da fermo, vd. 1-1 di Icardi).

Stavolta meritano soltanto elogi i centrali difensivi Miranda e Murillo, autori di una gara attenta ed adeguata all’impegno: spesso i cali di tensione hanno fatto la differenza in negativo, stavolta non hanno concesso praticamente nulla agli attaccanti bianconeri (anche grazie al filtro garantito dai centrocampisti).

Gli esterni hanno giocato al massimo delle proprie potenzialità, anche se il gol avversario, è giusto ricordarlo, è arrivato proprio sugli sviluppi di un paio di errori da evitare: prima D’Ambrosio, troppo molle nell’uno contro uno con A. Sandro, al quale ha consentito di effettuare il traversone poi chiuso da lichsteiner che  (e qui arriva il secondo errore) si infila alle spalle di Santon in colpevole ritardo sulla diagonale difensiva. Per il resto comunque i due terzini non hanno sfigurato, alimentando l’azione (soprattutto con la corsa) e rispettando (quasi sempre) le posizioni.

Handanovic praticamente inoperoso, anche quando si è limitato  ad osservare i tentativi di Pjanic e Dybala dalla distanza.

Per ultimi, ma non certo per importanza, i due eroi di serata: Mauro Icardi ha offerto una prestazione da centravanti vero, da top player trascinatore e finalmente degno portatore di quella fascia che, come ieri, dovrebbe sempre rappresentare uno stimolo e non un peso. L’argentino ha prima segnato il gol del pareggio con un grande colpo di testa, per poi servire di esterno destro un assist al bacio per l’accorrente Perisic che, appena entrato, regala la gioia più bella a tutti Noi Tifosi Nerazzurri segnando il definitivo 2-1 con una precisa incornata che non lascia scampo al portiere avversario.

Non siamo in grado adesso di dire con certezza se quella di ieri possa rappresentare la gara della svolta, sicuramente però la vittoria sugli eterni rivali bianconeri ha riportato grande entusiasmo e fiducia  in un ambiente che si stava nuovamente incupendo.

Ora però è importante non fermarsi, per dare senso e continuità ad un risultato così importante. A partire da Mercoledì contro l’Empoli.

FORZA RAGAZZI!

.:: I Voti ::.

Handanovic 6

D’Ambrosio 6

Miranda 7

Murillo 7

Santon 6

Medel 7

Joao Mario 7,5

Candreva 6,5

Banega 7,5

Eder 7

Icardi (C) 8,5

Perisic 7,5

Melo 6

Miangue 6

All. De Boer 8

 

Annunci

Un pensiero riguardo “INTER vs Juventus 2-1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...